LEZIONI E FORMAZIONE DAI DOCENTI PER I DOCENTI

Scopri WeTurtle, la community di educatori dove trovare e condividere risorse innovative

home - tutorial - Tutorial: colori primari, secondari, caldi e freddi con Piskel

Tutorial: colori primari, secondari, caldi e freddi con Piskel

Ormai, negli ultimi tempi, la tecnologia nelle scuole si è sempre più diffusa così da far discutere e modernizzare alcuni metodi di insegnamento integrando sempre di più nuovi strumenti.

Con questo nuovo tutorial andremo a vedere nel dettaglio un programma per disegnare...

Weturtle Team   by Weturtle Team
Piskel

Tempo di lettura tutorialTempo di lettura/visione: 5 min

CHE COS’E’ IL COLORE?

Detto in modo semplice, il colore non è altro che luce colorata. In parte questa luce che colpisce un oggetto, viene parzialmente assorbita a seconda del colore. La parte non assorbita invece, viene riflessa ed è quella che raggiunge il nostro occhio.

QUALI SONO I COLORI PRIMARI E SECONDARI?

I colori primari si differenziano da tutti gli altri perché sono inimitabili, essi sono il Rosso, il Blu e il Giallo.

I colori secondari sono quelli che si ottengono mischiando i colori primari:
  • rosso + giallo= arancione;
  • blu + rosso= viola;
  • giallo + blu= verde
Qui di seguito troverete due illustrazioni semplici dove poter far divertire e imparare le basi dell’arte ai ragazzi.

Registrati a WeTurtle per accedere ai vantaggi, è gratis!

La community di docenti e educatori ti offre:

Il corso gratuito "Collaborare a scuola con il digitale"

Un'area personalizzata con i tuoi contenuti preferiti

Una lezione di prova gratuita per ogni corso online

Dirette ed eventi dedicati agli utenti iscritti

Prima di spiegare nel dettaglio cosa andremo a fare, partiamo in primis con la spiegazione del sito!

Cos’è e come funziona Piskel?

Piskel è un programma in cui possiamo creare sprite o semplici illustrazioni, ma usando il metodo del pixel. Quindi, quadratino dopo quadratino, andiamo a creare la nostra opera d’arte.
Ma partiamo dalla base, che cos’è il Pixel? La parola Pixel è composta dalle particelle PIX + EL, dove PIX sta per Picture mentre EL significa Element.

Una volta che cliccherete su “Create Sprite”, vi si aprirà la pagina principale di Piskel.

Ecco l’interfaccia principale del sito.
A sinistra abbiamo tutti gli strumenti per disegnare come:
  • Il pennello semplice, ci serve per tracciare il segno;
  • Il secchiello per riempire una determinata zona con il colore;
  • La gomma per cancellare se abbiamo sbagliato qualcosa;
  • Lo strumento “mano” per spostare il disegno sul foglio;
  • Forme già preimpostate come il cerchio, quadrato o rettangolo.

Inoltre, al di sopra di questa barra, abbiamo l’opzione per cambiare la grandezza del pennello.

Un ulteriore funzione utile per quando si sbaglia nel colorare una certa zona è usare nella tastiera “CTRL + Z”. Facendo questo, non c’è bisogno di andar a cancellare una parte del disegno, ma semplicemente possiamo tornare indietro di uno o più passaggi. Questo shortcut è molto utile e ci velocizza sicuramente in alcune fasi del lavoro!

Palettes

La Palettes invece, è l’opzione dove poter andare a scegliere i colori. Per aggiungere quest’ultimi basta cliccare sull’icona “penna”, che si trova in basso a destra della scritta “Palettes”.

Una volta fatto questo, per ogni volta che si vuole aggiungere un nuovo colore, bisogna cliccare sul quadratino con il “+” al centro.

Ovviamente possiamo personalizzare sia la tonalità, che l’intensità. Nell’immagine potete vedere dove si trovano queste due funzioni.

Una volta soddisfatti delle nostre scelte, basta cliccare su “Save”.

N.B: possiamo sempre aggiungere altri colori successivamente dalla nostra prima selezione, basta cliccare di nuovo sull’icona “penna”.
Infine, ma non per importanza, a destra abbiamo tra le varie impostazioni, esporta e importa.

Esporta / Export

Questa funzione ci serve per salvare il progetto nel nostro computer. Una volta che siamo soddisfatti e pensiamo di aver concluso il nostro disegno, si deve andare su Export. Da qui in poi bisogna seguire questi passaggi:
  • Scale” ovvero la scala di grandezza che consiglio sempre di metterla al massimo, ovvero di trasciare il pallino tutto a destra;
  • Formato PNG se andiamo a creare un immagine fissa (per quanto riguarda le animazioni invece, si salvano in formato GIF);
  • Per ultima cosa si clicca sul primo “Dowload”.

Importa/Import

Un’altra funzione super importante soprattutto essenziale per questo tutorial. Al contrario di Export, Import serve per rimettere il lavoro salvato sul nostro computer di nuovo su Piskel. Si usa principalmente per rimettere mano su un lavoro che è già stato precedentemente salvato per aggiungere o togliere delle modifiche.

Qua sotto troverai tutti i passaggi per eseguire un’importazione corretta:
  • Cliccare la terza opzione “Browse Images”;
  • Selezionare il disegno da importare e poi andare su “apri”;
  • Cambiare la dimensione del foglio e rimettere quella che si è scelta prima di esportarlo (prima di aumentare la scala);
  • Infine cliccare su “Ok”.

Iniziamo a dar vita alle nostre illustrazioni!

Ora è il momento di iniziare a colorare, siete pronti?

Qui di seguito vi lascio le due illustrazioni da scaricare per poi caricarle su Piskel:


Infatti il primo passaggio da fare è proprio importare il lavoro sul sito.
Ora entriamo nello specifico!

Farfalla – colori primari e secondari

La prima esercitazione consiste nel far colorare ai ragazzi le ali di una farfalla con i colori primari e secondari. I ragazzi avranno modo di personalizzarla scegliendo in quale zona mettere i colori primari e a sua volta i secondari. Qua sotto ho illustrato qualche esempio. Questo è un modo super semplice ed efficace per iniziare a conoscere le basi dell’arte divertendosi!

La prima cosa che bisogna fare, come ho già citato qualche riga sopra, è di importare il disegno su Piskel. La dimensione che bisogna mettere è 50x50. Una volta concluso il lavoro, bisogna poi esportarlo!

La notte stellata – colori caldi e freddi

Per questa esercitazione ho pensato di prendere uno dei quadri più famosi di sempre: la “Notte stellata” di Vincent van Gogh.
In questo caso, l’illustrazione è semplificata rispetto all’opera originale. Il disegno è diviso da una diagonale in cui da una parte useremo i colori caldi mentre dall’altra i colori freddi (qua sotto è riportato un esempio).

La dimensione per importare questo lavoro è diversa dalla prima esercitazione ed è 100x100, infatti si possono notare che i pixel sono molto più piccoli.

Questo è uno dei tanti modi creativi per sperimentare e veder sotto un altro aspetto un quadro post-impressionista in una chiave del tutto digitale e moderna.
Ecco il link per accedere a Piskel: https://www.piskelapp.com/.

Inoltre potete scaricarlo anche per la versione desktop!

Buon divertimento

PROVA LA FORMAZIONE! UNA LEZIONE E' GRATIS

Ti interessa l'argomento Didattica Digitale?


Fai il login e guarda gratuitamente la lezione di prova del corso
Didattica Digitale Integrata: metodologie e strumenti per l'apprendimento fisico e a distanza - ID SOFIA: 49396

Vuoi leggere il tutorial quando vuoi, anche offline?





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Didattica Digitale per ogni esigenza

FREE

Tempo: 2 min

BLOG
   Paolo Bitocco
5 principi per la DDI e come metterli in pratica con...

FREE

Tempo: 5 min

BLOG
   Michele Storti
TUTORIAL Genially #5: aggiungere collaboratori e pubblicare...

FREE

Tempo: 6 min

TUTORIAL
   Maria Ghirardi
5 principi per la DDI e come metterli in pratica con...

FREE

Tempo: 5 min

BLOG
   Michele Storti
TPCK: un modello per l’introduzione della tecnologia...

FREE

Tempo: 11 min

PUBBLICAZIONE
   Michele Storti

Vuoi fare una domanda all'autore?

oppure


GLI ALTRI UTENTI HANNO CHIESTO