home - progetti - QUANDO L'INTELLIGENZA SI DIVERTE
QUANDO L'INTELLIGENZA SI DIVERTE

Cosa succede quando si chiede ai bambini di mettersi in gioco "distruggendo" il lavoro fatto per costruire un prodotto nuovo?
Tra reale e surreale, un'attività didattica in cui l'intelligenza si diverte.

“Creativity is intelligence having fun.”
Albert Einstein

  by Alessandra Valdarnini
CATEGORIA
Tinkering
Materiali di recupero

Introduzione

Cosa succede quando si chiede ai bambini di mettersi in gioco "distruggendo" il lavoro fatto per costruire un prodotto nuovo?
Tra reale e surreale, un'attività didattica in cui l'intelligenza si diverte.

“Creativity is intelligence having fun.”
Albert Einstein

Obiettivi e Competenze

Contenuti Specifici
Elettricità e circuiti: motorini a pile

Competenze
Iniziativa e intenzionalità
. fissare i propri obiettivi
. chiedere e rispondere al feedback
. persistenza per raggiungere gli obiettivi
Abilità sociali
. richiesta o offerta di aiuto per risolvere i problemi
. ispirare o essere ispirati da nuove idee o approcci
. effettuare collegamenti al lavoro degli altri
Sviluppo della comprensione
. offrire spiegazioni per una strategia, uno strumento o un risultato
. applicare le conoscenze
. sforzarsi di capire

Strumenti

Motorini elettrici a pile
Materiale di recupero a piacere

Metodologia didattica

La metodologia utilizzata apparentemente è di tipo laboratoriale nei suoi vari passaggi:
. individuazione e definizione del problema
. raccolta dati
. creatività
. scelta dei materiali
. realizzazione del modello
. esecuzione
. trasmissibilità e replicabilità

In realtà la metodologia usata è quella che Munari indica come stimolo per la creatività nel suo bellissimo libro "Fantasia".
"Primo: far conoscere bene lo strumento che si usa in modo che l'uso sia appropriato e che ogni possibilità strumentale sia nota.
Secondo: far capire la tecnica più giusta per quello strumento.
Terzo: lasciare che ognuno scelga e decida che cosa fare con ciò che ha imparato.
Quarto: analizzare e discutere assieme i risultati dei lavori, non per decidere chi è il più bravo ma per dare ragione ad ognuno secondo il lavoro fatto.
Quinto: provocare e coordinare il lavoro di gruppo per uno scopo spettacolare.
Sesto: distruggere tutto e rifare per aggiornare continuamente e per non mitizzare il lavoro."

B. Munari, Fantasia

Linee guida delle attività

Il Catalogo degli oggetti introvabili di Carelman è stata la nostra prima fonte di ispirazione. Dopo aver cercato di intuire la funzione degli oggetti in base a forma ed attributi (cfr. "The Design of Everyday Things" di Donald A. Norman, per il concetto di "affordance"), abbiamo provato a progettarne dei nuovi disegnandoli semplicemente su carta e fornendo linee guida per il loro utilizzo. Sono nate invenzioni interessanti: la pistola sparasugo, le scarpe-cesoie per tagliare l'erba, la carta igienica a quadretti o righe per chi in bagno non vuole solo leggere e via dicendo.

Una ricerca in internet ci ha permesso di vedere che molti oggetti assurdi sono già stati prodotti, come ad esempio la bici-lavatrice.
Successivamente, dopo il progetto Gran Premio, è stato chiesto ai bambini di riutilizzare a piacere i motorini elettrici ispirandosi sia a Carelman, sia a Munari ed alle sue macchine inutili. Dalla progettazione siamo passati alla realizzazione.
Il lavoro è stato accompagnato da attività dell'area linguistica: i nomi, i testi esplicativi, la descrizione ecc.

Molti lavori sono una ricostruzione di oggetti reali come i mulini e gli aerei. Altri invece sono veramente introvabili!

In copertina la meled, una mela che si può mangiare al buio. Casualmente la foto è stata fatta appoggiando la mela su una rivista portata da una bambina e questo ci ha portato ad affermare che la nostra è l'evoluzione della mela!
La forchetta per mangiare gli spaghetti è stata provata in mensa.

Come realizzare due modellini di aerei con materiali di recupero completamente diversi.

Un condizionatore d'aria portatile e la macchina frullabambole! 

Un aiuto in cucina: il mestolo per girare il sugo!
Per i più pigri un cucchiaino per mescolare lo zucchero nel latte!

Un'invenzione polivalente, nella sua pratica custodia: lo spazzolino con testine intercambiabili, compresa spugnetta e carta vetrata! Magari può andare bene anche per rimuovere le incrostazioni!

Risultati attesi

Stimolare la creatività, il pensiero laterale e l'ironia!

Riferimenti e links

Munari ci insegna che i prodotti di fantasia, invenzione e creatività nascono dalla relazione che il pensiero fa tra ciò che conosce. Non basta però dare dei contenuti: i bambini devono essere stimolati ad associare i dati tra loro, è questo il compito dell'insegnante.
La creatività esige un'intelligenza pronta ed elastica, una mente libera da preconcetti, pronta ad imparare ciò che gli serve in ogni occasione ed a modificare le proprie opinioni quando se ne presenta una più giusta. La creatività è flessibilità e capacità di risolvere i problemi.
L'individuo creativo è in continua evoluzione e le sue possibilità creative nascono dal continuo aggiornamento e allargamento delle conoscenze.

“Le macchine di Munari”
http://www.corraini.com/it/catalogo/scheda_libro/29/Le-macchine-di-Munari

http://www.corraini.com/it/autori/scheda/125/Bruno-Munari

“Fantasia” Bruno Munari

“Catalogo degli oggetti introvabili” (titolo originale “Catalogue d'objets introuvables et cependant indispensables”)
https://it.wikipedia.org/wiki/Jacques_Carelman

“Grammatica della fantasia” Gianni Rodari

https://en.wikipedia.org/wiki/Lateral_thinking



Hai letto la lezione? Che cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!