home - docenti - giuseppe errico

GIUSEPPE ERRICO


Si laurea in Psicologia Clinica all'Università di Roma La Sapienza (26/06/1989) con una tesi sperimentale svolta a Scampia (Napoli) sullo sviluppo dell’intelligenza e abilità cognitive di un campione di minori svantaggiati (età 6/9 anni) mediante interviste, test e prove piagetiane. Ha frequentato regolarmente dal 01/09/ 1987 al 01/06/1991 i quattro anni della Scuola sperimentale Semantico-antropologica, programma sperimentale del Centro Ricerche sulla psichiatria e le scienze umane della Unità Sanitaria Locale n. 41 della Campania (direttore: professore Sergio Piro), per la formazione professionale degli operatori e ricercatori nel campo delle scienze umane applicate, della didattica sperimentale e della psicoterapia (attività psicoterapica di gruppo e individuale, attività di supervisione nei confronti di allievi), superando la prova di ammissione e gli esami annuali, svolgendo con profitto le attività teoriche, didattiche, di ricerca previste dal programma sperimentale: - Corso preparatorio (1° anno) dal 01/09/1987 al 25/11/1988 per n.97 ore complessive; - Colloqui di ammissione: dal 30 novembre e 6 dicembre 1988 esito positivo esami scritti e orali per ammissione al triennio; - Triennio generale (2°, 3°, 4° anno) dal 15/12/1988 al 31/05/ 1991 per n.779 ore complessive; - Charta finalis del percorso generale, dal 01 al 3/06/1991 con esito positivo esami scritti e orali; - Anno di Perfezionamento (5° anno) dal 01/10/1991 al 7/06/1992 per n.183 ore complessive; - Charta addicionalis del percorso psicoterapeutico (5° anno), 8/06/1992, esame finale scritto e orale. A partire dal primo anno del corso (dal 1/09/1987 al 7/06/1992) ha frequentato le due sessioni settimanali di preparazione ed esercitazione teorica (lezioni ed esercitazioni “noetico-noematiche”) per n.456 ore complessive. A partire dal secondo anno di corso (dal 15/12/1988 al 7/06/1992) ha frequentato le due sessioni settimanali di attraversamento personale in setting gruppale per n.378 ore complessive. A partire dal terzo anno (dal 1/09/1989 al 7/06/1992) ha svolto attività di conduzione delle sessioni di esplicitazione personale nei gruppi successivi di allievi, partecipando parallelamente alle relative sessioni quindicinali di supervisione, presiedute dal professore Sergio Piro, clinica per n.191 ore complessive. Nel quinquennio di formazione ha prodotto e presentato elaborati teorici e didattici su temi attinenti la psicoterapia (tesine, lezioni, esercitazioni). Responsabile della formazione clinica e di ricerca è stato il professore Sergio Piro nella sua qualità di direttore della Sezione di didattica sperimentale del Centro Ricerche sulla Psichiatria e le Scienze Umane. Ha collaborato, nel campo “psicologico-psichiatrico” durante l’intero periodo di formazione personale e terapia, con il professore Sergio Piro, direttore dell’ex ospedale psichiatrico “Frullone” come allievo, ricercatore e formatore, per oltre vent’anni. Ha svolto una terapia personale di “Gruppo-Analisi” al primo Policlinico di Napoli con la professoressa Napoletano. Lavora, come volontario e formatore nel campo della salute mentale, dal 1987 al 1997, presso gli ex ospedali psichiatrici (Collegno di Torino,“Frullone” di Napoli) e comunità terapeutiche per le tossicodipendenze in Campania (Centro Aleph, Comunità di recupero Saman) e, al tempo stesso, come cultore della materia, con la cattedra di Storia del Teatro dell’Università di Napoli Federico II (prof. Franco Carmelo Greco). Ad Urbino, collabora con la cattedra di Storia del Teatro e dello Spettacolo/Facoltà di Sociologia dell’Università di Urbino (professore Emilio Pozzi) divulgando la dramma/teatroterapia, il teatro sociale e lo psicodramma. Socio-Fondatore dell’associazione culturale Nuove Catarsi, editrice dal 1999 al 2009 della rivista europea Catarsi. Teatri delle diversità (Pesaro-Urbino) diretta da Vito Minoia, dottore di ricerca in Pedagogia della Cognizione. E’ psicoterapeuta, a partire dal 1994, regolarmente iscritto all’Ordine degli Psicologi della Campania. A partire dal 2000 il lavoro clinico e di ricerca è stato svolto (al fine di realizzare sportelli di ascolto, centri di cura, servizi di accoglienza e sociosanitari) presso 44 Enti Pubblici: Pignataro Maggiore, Melito, Napoli, Mugnano, Calvizzano, Qualiano, Villaricca, Torre del Greco, Caivano, Orta di Atella, Succivo, Sant’Antimo, Unione dei Comuni Atellani, Cesa, Sant’Arpino, Casandrino, Padula, Campodimele, Gaeta, Afragola, Provincia di Napoli, Atrani, Vico Equense, Scala, Giugliano in Campania, Marano di Napoli, Formia, Stella Cilento, Sassano, Itri, Teggiano, Sala Consilina, Ispani, Vibonati, Caselle in Pittari, Gioi, Roscigno, Scala, San Giovanni a Piro, Ascea, Novi Velia, Morigerati, Lanusei, Licciana Nardi, Fosdinovo. E’ stato responsabile, dal 1997 al 2004, del Piano triennale sociale per l’infanzia e l’adolescenza dei Comuni di Melito e Mugnano e dell’Ufficio di Piano del Piano Sociale di Zona (l.328/00) per conto dei Comuni dell’Ambito Na1. E’ stato direttore di numerosi servizi sociali per l’infanzia e le famiglie multiproblematiche e del centro diurno e residenziale Il cielo in una stanza (progetto Sociosanitario finanziato dalla “Fondazione con il Sud “ e dal Comune di Vico Equense di Napoli). Coordinatore, dal 2016 al 2018, del progetto europeo sulla promozione della lettura per le giovani generazioni “Readers of the future” promosso e cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di “Europe Creative” ed attuato in Albania, Italia, Macedonia. Ha collaborato e collabora, in tema di progettazione nazionale ed europea, con numerosi medici e ricercatori, scienziati, antropologi a livello nazionale e internazionale: Sergio Piro (Scienze umane), Giulio Tarro (Virologia), Eduardo Bossone (Cardiologia), Giuseppe Limongelli (Malattie rare), Francesco Corcione (Chirurgia e Medicina). Dal 1987, oltre alla attività in campo clinico e terapeutico, si occupa di Progettazione (sanitaria e sociale) e, dal 2000, di Antropologia Trasformazionale (psicoterapia). Dal 2016 collabora, attivamente, alla programmazione di progetti in ambito europeo, con alcuni studiosi: dott. Petrit Ymeri, Casa editrice Dituria (Tirana, Albania), Prof.ssa Luísa Marinho Antunes Paolinelli, Universidade da Madeira, Faculdade de Artes e Humanidades Campus Universitario da Penteada 9020-105 (Funchal, Portogallo); prof. Jacinto Jardim del CIDH - Universidade Aberta - Palácio Ceia Rua da Escola Politécnica (Lisbona, Portogallo); dott.ssa Andriana Dragovic Tabernakulum (Skopye, Macedonia). E’ presidente, dal 2008, dell'I. P. e R.S. Istituto di Psicologia e ricerche socio sanitarie (Formia-Napoli), dove svolge attività di progettazione, formazione e programmazione di servizi sociosanitari per conto di Enti Pubblici ed Enti no profit (E.N.P). Progettazione Dal 1987 ad oggi ha ideato, co-ideato e redatto, nell’ambito della progettazione, 200 progetti/interventi (progetti regionali, nazionali ed europei, fondi POR- FSE) in campo scientifico, sociale e sanitario per conto di Enti Locali (Comuni e Provincie, Ospedali, Università e organismi del Terzo Settore/ cooperative sociali, associazioni di volontariato, onlus e fondazioni). Attualmente – in qualità di progettista - è consulente del Comune di Stella Cilento (Sa) e Bimed (Sa). Di recente è stato consulente della Fondazione de Beaumont Bonelli per le ricerche sul cancro onlus di Napoli, della Società Italiana di Chirurgia di Roma (2016/2018) e dei Comuni di Ascea (Sa), Vico Equense (Na). Articoli e Saggi Ha pubblicato articoli per riviste e rubriche (anche online), numerosi saggi scientifici e dieci volumi nel campo psicologico-psichiatrico, sulla salute mentale e della narrazione creativa, fra i quali Una nave in terraferma (Pironti, Napoli 1996.); Contagio, Peste, arte e pregiudizi (Pironti, Napoli 1996); Le dimensioni molteplici della pratica sociale (con Angela La Torre, La città del sole, Napoli 2005); Manuale di Narrazione creativa (con Salvo Pitruzzella, Franco Angeli, Milano 2012), ‘O munaciello (Adriano Gallina, Napoli, 2012); C’era Cenerentola (FrancoAngeli, Milano 2014). Ha curato la voce narrazione creativa per il nuovo dizionario culturale portoghese promosso dal professore Jacinto Jardim del CIDH dell’Universidade Aberta di Palácio Ceia Rua da Escola Politécnica (Lisbona): https://globalskills.pt/dicionario (https://globalskills.pt/giuseppe-errico) Ha curato due volumi di fiabe campane per la casa editrice albanese Dituria (2018). Attività culturale e sociale Ideatore e direttore, dal 2008, del festival della fiaba “Un paese incantato” di Campodimele (Provincia di Latina), uno dei “Borghi più belli d’Italia”, XIa Edizioni. Ideatore e direttore, dal 2000 al 2005, del festival sociale “Teatri delle diversità” , Comune di Mondragone, Mondragone, V Edizioni. deatore e direttore, dal 2008 al 2018, del progetto sociale “Teatricontroesclusione”, Napoli/Cagliari, Campodimele, Minturno, III Edizioni. Ideatore e direttore, dal 2016, del festival del Mediterraneo “Stelle divine” di Atrani II Edizione (Costiera d’Amalfi), uno dei “Borghi più belli d’Italia”. Ideatore e direttore, dal 2018, della manifestazione sociale “Di fiaba in fiaba” del Comune di Roccasecca (prov.Frosinone), Avviso Lazio delle Meraviglie (Regione Lazio), 2 Edizioni. Coordinatore regionale (Campania), dal 1990 al 1992, del progetto nazionale in campo psichiatrico“Esperienze teatrali ed espressive contro l’emarginazione” (Reggio Emilia). Ideatore e direttore, dal 2017 al 2019, del progetto socioculturale “Il borgo s’illumina” cui hanno aderito 14 Comuni del Cilento (Comuni di Sala Consilina, Teggiano, Sassano, Gioi, Roscigno, Stella Cilento, Caselle in Pittari, Ispani, Alfano, San Giovanni Piro, Ascea, Scala, Vibonati, Morigerati). Esperto in programmazione, gestione e attuazione di progetti di interesse pubblico con specifico riferimento alle politiche sociali, sanitarie e sociosanitarie; consulente per la definizione ed attuazione di politiche culturali integrate di sviluppo regionale, locale. Maturata esperienza pluriennale, acquisita sia in Italia sia all’estero (Albania, Macedonia), nell’attuazione di programmi per Area Culturale -programmi nazionali. Project Manager con ruolo dirigenziale, presso vari Enti Locali: ha assicurato il coordinamento delle iniziative cofinanziate dai Fondi europei, ricoperto il ruolo di consulente presso diverse altre amministrazioni (Comuni), fornendo assistenza nella redazione di progetti e nella gestione dei fondi PON e FSE. Quanto sopra è completato da docenze presso università, istituti scolastici e partecipazione attiva a diverse Conferenze sui temi sopra indicati. Sintesi Aree Progettazione, psicoterapia, promozione della salute, servizi sociali, sanitari e sociosanitari, ricerche ed interventi nel campo delle politiche per l’infanzia e l’adolescenza, arteterapia (dramma teatroterapia) e prevenzione del disagio.