home - blog - La settimana mondiale dello spazio: le iniziative
#spazio #conferenza #scienza #tecnologia #osimolab
by Mazzieri Elisa, 01-10-2021

Tempo Lettura articoloTempo di lettura/visione: 10 min

lezione free corso Minecraft a scuola: primi passi e spunti didattici - ID SOFIA: 48663

Abbiamo un regalo per te!


Fai il login e guarda GRATUITAMENTE la prima lezione del corso Minecraft a scuola: primi passi e spunti didattici - ID SOFIA: 48663

La settimana mondiale dello spazio: le iniziative

Anteprima Articolo Blog La settimana mondiale dello spazio: le iniziative TALENT, l'ente formativo proprietario di WeTurtle.org, da anni partecipa alle iniziative promosse dal Comune di Osimo (AN) in ambito OsimoLab, per la sensibilizzazione verso gli obiettivi dell'Agenda 2030 dell'ONU e in particolare alle iniziative promosse ogni Ottobre durante la Settimana Mondiale dello Spazio! 

Quest'anno, ogni mattina dal 4 all'8 ottobre, sono previste conferenze e seminari rivolti alle scuole. Scopri il programma dedicato alle classi! La partecipazione è completamnete gratuita!

Storie personali di passione e dedizione per la scienza

L'organizzatrice e responsabile del progetto Osimo Lab, Frida Paolella,  anche quest'anno ha curato un programma davvero ricco e interessante, includendo scienziate/i, ingegneri, astrofisici, esperte/i, mentori, professoresse di fama mondiale che, attraverso il racconto delle loro storie personali di passione e dedizione per il proprio lavoro, rappresentano testimonianze sulla bellezza e l'importanza degli studi scientifici, focalizzandosi in particolare sui benefici che ne derivano per la società e lo sviluppo sostenibile del pianeta. 

E' stata riservata particolare attenzione al tema della parità di genere nel campo delle STEM e durante l'evento si darà voce a tante donne di scienza che diventano role model italiane per le tante studentesse che vorranno seguirle! Il tema globale specifico indicato dall'ONU per l'edizione 2021 – Women in Space – pone l’attenzione sul ruolo delle donne nelle conquiste scientifiche e tecniche legate allo spazio.

L’evento si concentrerà anche sugli sviluppi della scienza e dell’industria aerospaziale in Italia e sulle opportunità di studio, ricerca e lavoro che il settore, in piena trasformazione, può e potrà offrire ai giovani di oggi. Siamo felici quindi di partecipare a questa edizione perchè siamo certi che tanti alunni/e e studenti/esse potranno trovare ispirazione ed entusiasmo per le materie STEAM. 

Il programma per le scuole dal 4 all'8 ottobre 2021

 4 Ottobre
Per inaugurare la Settimana dello spazio, siamo lieti di ospitare sul nostro canale Youtube l'evento di apertura! Per vederlo è sufficiente collegarsi alle ore 10 del 4 ottobre a questo link: https://youtu.be/0VsR5pOjY_E 

Ore 10-11:

Ing. Aloisia Russo: Ricercatrice presso l'Università di Liverpool in Inghilterra. Ingegnere aerospaziale, appassionata di tecnologie ed esplorazioni spaziali, incontra gli studenti per discutere con loro dell'importanza dello studio scientifico e della presenza delle donne in ambienti decisivi per la vita delle persone. Presenta anche la Rete Women in Aerospace Europe (Gruppo Locale Roma), raccontando l’importanza di fare rete e del contributo della divulgazione scientifica per il progresso non solo tecnologico ma anche umano.

Ing. Francesco Ventre Ingegnere aerospaziale, Fondatore start up Walle Mobility e Presidente di PoliSpace, prima associazione spaziale del Politecnico di Milano. ISU-International Space University graduate (Team ”On orbit mobility and manipulation” con il sostegno di Virgin Orbit). Giudice e mentore al “Nasa Space app challenge” di Brescia. In qualità di componente della rete WIA-E Gruppo Locale di Roma, nel team “WE, men in aerospace”, da uomo contribuisce insieme all’Ing. Aloisia Russo (precedente intervento) alla campagna di sensibilizzazione sull’importanza del valore aggiunto delle donne in team multiculturali. Già fondatore di Walle Mobility durante gli studi, l’Ing. Francesco Ventre racconta della sua esperienza sia come studente che come cofondatore di una start up.

ore 11-12:

Prof.ssa Marica Branchesi: Scienziata di fama mondiale, simbolo dell’Italia nel mondo, di origini marchigiane (Urbino). Professoressa al Gran Sasso Science Institute, Presidente del Consiglio Scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). Nel 2018 viene indicata dalla rivista Time fra le cento persone più influenti dell’anno per il suo contributo alla scoperta delle onde gravitazionali, che hanno inaugurato una nuova era dell’astronomia confermando, a distanza di un secolo, quanto ipotizzato da Einstein. Marica Branchesi racconta del nuovo modo di esplorare l’Universo e di come la scoperta delle onde gravitazionali stia ampliando la conoscenza dello stesso.

A partire da martedì tutti gli eventi saranno disponibili nel canale YouTube del Comune di Osimo.

Martedì 5 OTTOBRE
Ore 10-12:

Ing. Silvia Sangiorgi (Agenzia Spaziale Europea). Storia di una scienziata ed anche madre.
Ingegnere elettronico, con Master in Satelliti e Piattaforme Orbitanti, racconta la sua esperienza da 15 anni in ESA (Agenzia Spaziale Europea) nella sede di Darmstadt, in Germania, al “Centro europeo per le operazioni spaziali” (ESOC) come “controllore di veicoli spaziali (spacecraft controller) di diverse missioni, studiando anche l’interazione tra campo magnetico terrestre e solare. Dopo aver supportato il lancio del satellite meteorologico MSG-2 e la missione Rosetta, dal 2014 è vice Spacecraft Operations Manager per EXOMARS TGO, missione dedicata alla rilevazione di tracce di metano di origine biologica su Marte, che è arrivata sul pianeta rosso nel 2016.

Ing. Federica Angeletti (Sapienza Università di Roma - Ricercatrice in Ingegneria Spaziale). Racconta la sua attività di ricerca di dottorato che riguarda dinamica e controllo di satelliti flessibili. Tra le sue attività contribuisce anche alla rete “Women in Aerospace Europe (Gruppo Locale Roma)” i cui risultati sono stati presentati all’International Astronautical Congress 2020.

Video Lezione “Walking on the moon” di Nicole Viola: Lo speciale approfondimento di Nicole Viola, Professoressa di Sistemi Aerospaziali, Dipartimento di Ingegneria, Meccanica e Aerospaziale presso il Politecnico di Torino, che illustra la Luna in tutti i suoi aspetti. Contributo fornito dal CTNA (Cluster Nazionale Tecnologico Aerospazio) nell’ambito del progetto “Space Dream” dedicato alle scuole per condividere con insegnanti la cultura aerospaziale nell’ottica di valorizzare sogni e aspirazioni di ragazze e ragazzi.

Mercoledì 6 OTTOBRE

Ore 10-12:

Ludovica Valentini: Ingegnere aerospaziale presso l'azienda OHB Sweden, nello specifico per la parte test e sistemi propulsivi. Si è occupata, dall’analisi iniziale fino alla realizzazione finale, di un test bench per valutare le componenti dei sistemi propulsivi dei satelliti. L’azienda realizza satelliti per le missioni di studio e per scopi commerciali, come le telecomunicazioni, dallo studio iniziale ai sistemi propulsivi fino ai software per il controllo in orbita. Attualmente sta lavorando ad un satellite per una missione dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) che studierà la materia oscura, l’universo, da lanciare nel 2022.

Francesco Tombesi: Astrofisico, Prof. associato di Astrofisica Università Tor Vergata. Ricercatore di Montecassiano (Macerata), Premio Aspen per la collaborazione scientifica tra Italia e USA, grazie allo studio sui buchi neri. Dopo sette anni a Washington, dove ha lavorato anche per la NASA, a marzo 2017 è tornato in Italia, con il programma “Rita Levi Montalcini” per il rientro dei cosiddetti 'cervelli in fuga'. Impegnato in attività di divulgazione scientifica per “aprire” la società alla scienza e la scienza alla società, il suo principale settore di ricerca riguarda lo studio della fisica dell'accrescimento ed espulsione di materia su buchi neri supermassicci (SMBH) nei nuclei galattici attivi (AGN) attraverso osservazioni raccolte da osservatori spaziali nei raggi X. Questi studi lo hanno portato alla pubblicazione di un articolo primo autore sulla copertina di Nature nel 2015. I suoi argomenti di ricerca riguardano anche implicazioni delle osservazioni astrofisiche per la fisica fondamentale.

Marco Veneranda (Dottorato in chimica analitica, Gruppo di ricerca ERICA, Università Valladolid). Marchigiano, di Castel di Lama, nel team di Mars 2020, missione spaziale della NASA per esplorare Marte. Il giovane ricercatore marchigiano è stato impegnato nello sviluppo di alcuni componenti del SuperCam, uno degli strumenti di analisi a bordo del Perseverance, il rover della missione Mars 2020 che ha raggiunto Marte il 18 febbraio, a caccia delle possibili tracce di vita, conservate nel materiale detritico depositato da un antico fiume che scorreva un tempo su Marte. Ricerca di tracce di vita, grazie a strumenti spettroscopici che permetteranno di determinare sia la composizione dei minerali presenti sulla superficie marziana, sia di rilevare la possibile presenza dei composti organici prodotti dall’attività biologica.

Ettore Perozzi: Responsabile dell’Ufficio per la Sorveglianza Spaziale dell’Agenzia spaziale italiana, fisico, divulgatore scientifico. Oltre alla produzione scientifica ha scritto numerosi libri di carattere astronomico e spaziale sia per ragazzi che rivolti al grande pubblico. Si occupa di meccanica celeste e missioni spaziali. Ha lavorato all’Istituto di Astrofisica Spaziale del CNR, all’Agenzia Spaziale Europea, all’Osservatorio Astronomico di Parigi e a Telespazio. L’asteroide n° 10027 porta il suo nome.

Giovedì 7 OTTOBRE
 
Ore 10-12:

Ing. Ilaria Cinelli, Mentor “Space4Women” UNOOSA (Ufficio per gli Affari Spaziali delle Nazioni Unite): ingegnere biomedico con esperienze lavorative in ingegneria neurale, i fattori umani, missioni analogiche e in medicina spaziale. La più giovane presidente dell’Aerospace Human Factors, fa parte del Consiglio di Medicina Aerospaziale. Co-leader del Gruppo di Esplorazione Spaziale del Consiglio Consultivo per la Generazione Spaziale e membro della Mars Society Steering Committee. Tra le tre italiane selezionate a livello mondiale per “Space4Women” dell’UNOOSA (Ufficio per gli Affari Spaziali delle Nazioni Unite) - piattaforma di mentoring che promuove l'uguaglianza di genere e l'empowerment femminile nel settore spaziale - con il ruolo di mentore e role model ed il compito di promuovere la parità tra i sessi e l'emancipazione di genere per educare, ispirare e sostenere donne e ragazze nel perseguire l'educazione e le carriere scientifiche nel settore spaziale.

Prof. Nazzareno Mandolesi, scienziato di origini marchigiane, laureato in fisica, ha iniziato a studiare l’infinitamente piccolo, i raggi cosmici, ed è approdato all’infinitamente grande, la cosmologia. Figura di spicco dell’INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica), ha creato una scuola di eccellenza che vede oggi l’INAF proiettato nelle grandi sfide globali dell’astrofisica e delle scienze spaziali. Professore all’Università di Ferrara, Principal Investigator Missione Planck dell’Agenzia Spaziale Europea. E’ Premio Gruber 2018 (uno dei riconoscimenti più prestigiosi per la cosmologia) per aver raccolto dati che hanno fornito alla cosmologia una descrizione definitiva dell’universo alle scale più grandi e più piccole (si legge nella motivazione del Premio: “misure che hanno portato alla determinazione dei parametri cosmologici - contenuto di materia, geometria ed evoluzione dell’universo - con una precisione senza precedenti”). Interviene e commenta le due video interviste - quali contributi forniti dal CTNA nell’ambito di “Space Dream” realizzato per le scuole: 

Video intervista a Eleonora Ammannito (9 minuti): Ricercatrice Agenzia Spaziale Italiana, esperta in planetologia illustra Marte e racconta le somiglianze e le differenze con la terra, le risorse e le condizioni necessarie per affrontare una missione con equipaggio.

Video intervista a Rosanna Rispoli (5 minuti): Astrofisica e ricercatrice Istituto Nazionale Astrofisica – INAF Roma, racconta la sua passione per le stelle e illustra la Missione Bepi Colombo, volta ad osservare il pianeta Mercurio e l'ambiente che lo circonda.

Ad arricchire la sessione formativa anche la video intervista dell’astrofisica Francesca Faedi al Premio Nobel alla Fisica 2019 Prof . Didier Queloz con le domande preparate dagli studenti di scuole medie e superiori (durata 20 minuti). Francesca Faedi, marchigiana, è astrofisica all’ Università di Urbino, dopo una lunga esperienza all’estero in Inghilterra. Già collaboratrice del Premio Nobel alla Fisica 2019 Didier Queloz, è “Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana” per il suo impegno nella sensibilizzazione sui temi dell'uguaglianza di genere nel campo STEM ed il contributo trasversale della scienza ai 17 Obiettivi ONU di Sviluppo Sostenibile di Agenda 2030. Il suo campo di ricerca riguarda lo studio degli esopianeti, argomento di cui è tra i pochi esperti al mondo ed ha pubblicato per Nature.

Venerdì 8 OTTOBRE

Ore 9-12:

Ing. Luca Ferrone: Space Space Segment Engineer dell'Agenzia Spaziale Europea: lavora come staff presso l'Agenzia Spaziale Europea (ESA), con sede a ECSAT nel Regno Unito. Master in Ingegneria Spaziale e Astronautica con specializzazione in Lanciatori e Propulsione presso l'Università Sapienza di Roma. Dopo uno stage in Propulsione Elettrica in Thales Alenia Space - Cannes, si è trasferito nel Regno Unito entrando nel dipartimento di ingegneria di Thales Alenia Space. Ha lavorato su diversi programmi come Neosat, Copernicus, ecc. come architetto della propulsione e responsabile dei propulsori chimici per quasi 4 anni, prima di diventare parte di ESA staff. Insieme ai colleghi ingegneri aerospaziali che intervengono lunedì 4 ottobre ore 10 - Ing. Aloisia Russo e Ing. Francesco Ventre – partecipa attivamente anche alla rete WIA-E (Women in Aerospace Europe – Gruppo Locale Roma) perché ci vede l'opportunità di dare il suo contributo nel provare a cambiare questa mentalità della società (meno donne nella scienza), che lui definisce “obsoleta”.

Video intervista Laura Imbriglio (contributo fornito dal CTNA nell’ambito di “Space Dream” realizzato per le scuole – durata 5  minuti): Manager presso Telespazio, racconta il suo percorso formativo e la partecipazione a Sentinel 2 e Sentinel 3 di Copernicus, il programma europeo per l'osservazione satellitare della terra.

Ing. Elvina Finzi: Doppia laurea con lode al Politecnico di Milano e al Politecnico di Parigi (ENSTA), ha conseguito un dottorato di ricerca in ingegneria nucleare. Autrice di “Oltre le stelle più lontane", dedicato ad incoraggiare le bambine e le ragazze allo studio di materie dette STEM "Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica" con una storia tutta al femminile, un invito a seguire il proprio intuito e a brillare come le stelle più luminose, raccontando la storia intima e appassionante di Amalia Ercoli Finzi, la Signora delle comete, Prof.ssa emerita al Politecnico di Milano (già Prof. ordinario di meccanica orbitale), e prima donna in Italia a laurearsi in ingegneria aeronautica.

Spazio ai Giovani

Le conferenze non si terranno esclusivamente la mattina ma anche tutti i pomeriggi, per concludersi poi nel fine settimana con due eventi in presenza nella Città di Osimo, dove anche la nostra TALENT e WeTurtle hanno sede. 

Il programma con tutti i relatori del pomeriggio è disponibile cliccando qui ma intanto ti segnalo che Giovedì 7 alle ore 15 si terrà un evento dedicato ai giovani e alle STEM. Anche noi di WeTurtle terremo un piccolo intervento per racconatre alcune delle nostre esperienze didattiche a tema spazio! Ti aspettiamo!
TORNA AGLI ARTICOLI
Digital Storytelling per la didattica - ID SOFIA: 48664


Ti è piaciuto questo articolo? Continua ad esplorare WeTurtle!


Ti consigliamo il corso Digital Storytelling per la didattica - ID SOFIA: 48664

SCOPRI IL CORSO

ALTRI CONTENUTI DI WETURTLE

GRAN PREMIO

FREE

Tempo: 2 min

PROGETTO
   Alessandra Valdarnini
TUTORIAL - MOTORE GRANDE LEGO MINDSTORMS EV3

FREE

Tempo: 5 min

TUTORIAL
   Weturtle Team
Quando i robot si costruiscono a scuola: il lavoro...

FREE

Tempo: 10 min

PUBBLICAZIONE
   Lorenzo Cesaretti
I progetti di Talent

FREE

Tempo: 2 min

BLOG
   Danila Leonori
Dai poligoni regolari a Kandinsky

FREE

Tempo: 10 min

PROGETTO
   Lorenzo Cesaretti