LEZIONI E FORMAZIONE DAI DOCENTI PER I DOCENTI

Scopri WeTurtle, la community di educatori dove trovare e condividere risorse innovative

home - progetti - Realizziamo un sensore di colore con Arduino - Secondo incontro: settare e configurare il sistema

Secondo incontro: settare e configurare il sistema

Tempi

Tempo stimato per la lezione in classe: 2.00 h

Strumenti

Per settare e configurare il sensore abbiamo bisogno di:

  • 1 breadboard
  • 4 resistenze da 330 ohm
  • 1 resistenza da 10K ohm
  • 1 fotoresistenza
  • 1 led RGB
  • 1 pulsante
  • fili di collegamento per breadboard
  • 1 scheda Arduino UNO

Ancora non sei iscritto? Diventa una tartaruga digitale con centinaia di docenti da tutta Italia.

ISCRIVITI SUBITO!

Linee guida delle attività

La possibilità di visualizzare sul monitor seriale i valori ricevuti dalla fotoresistenza ci ha permesso nel secondo incontro di operare una serie di misure per settare il sistema ad una configurazione ottimale all’avvio, derivata dalla definizione dei valori medi ottenuti sperimentalmente e dichiarati all’inizio dello sketch (il codice si può copiare da qui):

Nonostante le numerose prove effettuate, gli studenti hanno rilevato immediatamente le difficoltà legate ad un sistema di riconoscimento che fa riferimento a valori standard, visto che modifiche anche minime al circuito o alle condizioni di illuminazione dell’ambiente (luce solare, lampade ad incandescenza, neon, condizioni meteo ecc.) determinano significative ripercussioni sulla rilevazione del colore. Abbiamo allora introdotto un sistema di settaggio comandato dal pulsante collegato al pin digitale 5 della scheda Arduino.

Come si può vedere nel seguente video, che mostra la fase di setting del dispositivo, occorre seguire una sequenza di colori ben precisa per poter compilare gli array in modo funzionale alla successiva fase di riconoscimento del colore. Nell’esempio abbiamo scelto la sequenza: bianco, rosso, giallo, verde, blu e nero.


Vuoi leggere la lezione quando vuoi, anche offline?



Hai letto la lezione? Che cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!