LEZIONI E FORMAZIONE DAI DOCENTI PER I DOCENTI

Scopri WeTurtle, la community di educatori dove trovare e condividere risorse innovative

home - progetti - Gli animali della savana: scrittura creativa e drammatizzazione di storie con il kit Lego Wedo - Drammatizzazione della storia con i robot

Drammatizzazione della storia con i robot

Tempi

Tempo stimato per la lezione in classe: 3.00 h

Strumenti

  • Un computer per gruppo (3-4 studenti) o per ogni robot da realizzare
  • Kit Lego® Wedo
  • Scratch (oppure il software Lego Wedo)
  • fotocamera o videocamera (per la registrazione dello spettacolo)

Ancora non sei iscritto? Diventa una tartaruga digitale con centinaia di docenti da tutta Italia.

ISCRIVITI SUBITO!

Linee guida delle attività

In questa fase l’insegnante svolge un ruolo di supporto laddove ce ne sia bisogno. Dopo aver sperimentato il software Scratch e appreso i concetti di coding, gli alunni, organizzati in gruppi, devono programmare i robot che prenderanno parte alla drammatizzazione in modo coerente con la storia creata nella prima fase.

In questo momento si lascia piena libertà agli alunni di creare i programmi più idonei a far muovere il robot secondo le vicende della storia; inoltre, si possono modificare ulteriormente le sembianze del robot per renderlo più “affascinante”, registrare i suoni da far pronunciare al personaggio e decidere dove collocare e come far muovere il robot nella scenografia.
Di seguito i passaggi per inserire un suono in Scratch o nel software Lego® Wedo.

Programmati i robot, gli alunni si occupano della “regia” della drammatizzazione che prevede l’assegnazione di diversi ruoli tra i membri in modo autonomo (senza il coinvolgimento dell’insegnante):

  • la voce narrante (dal vivo o registrata)
  • chi fa partire i programmi dai computer (ogni robot è collegato ad un computer, a meno che non si usi il Kit Lego® Wedo 2.0)
  • chi muove i personaggi nella scena
  • chi registra lo spettacolo con una fotocamera o videocamera ecc.
Se sono drammatizzate più storie, ogni gruppo rappresenta la sua. Di seguito si mostra una scenografia della Savana con i personaggi in posizione pronti a prendere vita!

Vi consigliamo di organizzare un vero e proprio evento per presentare il lavoro svolto e le drammatizzazione ad un pubblico di spettatori: altri insegnanti, la dirigente scolastica, gli studenti di altre classi, e genitori degli alunni potrebbero essere coinvolti in un momento di condivisione delle progettazioni create dagli studenti.

Risultati attesi

  • conoscenza dei concetti base della programmazione;
  • conoscenza delle caratteristiche e del funzionamento di base di un robot;
  • acquisizione di maggiori abilità nell’uso di strumenti tecnologici (computer, fotocamera ecc.);
  • apprendimento di nuove conoscenze sugli animali e sull’ambiente naturale della Savana;
  • sviluppo di competenze trasversali, tra cui l’abilità di collaborazione e l’organizzazione nel piccolo gruppo;
  • comprensione e produzione di storie creative;
  • acquisizione di capacità costruttive, artistiche ed espressive.

Valutazione

Una possibilità interessante è dare agli alunni il compito di illustrare le fasi e i prodotti a studenti di altre classi o più piccoli, assumendo così il ruolo di “insegnanti di robotica”.

Questa attività responsabilizza gli alunni, consente loro di rielaborare le attività svolte e di consolidare gli apprendimenti acquisiti. Se si prevede questa attività è opportuno che durante le varie fasi del progetto siano documentate con appunti, foto e riprese video svolti dagli stessi alunni.

L’insegnante può guidare la rielaborazione dell’attività attraverso la tecnica del circle-time che permette agli alunni di scambiarsi pareri ed emozioni, esercitarsi all’ascolto attivo e accogliere i vissuti dei compagni, anche nel caso in cui siano emersi conflitti in qualche fase dell’attività. In questo lavoro l’insegnante facilita la comunicazione lasciando piena libertà di espressione.

L’insegnante può anche chiedere agli alunni di scrivere un testo che racconti l’esperienza in maniera soggettiva o di descriverla con un disegno.

Nel caso in cui ogni gruppo scelga di drammatizzare una storia differente, è previsto un momento di autovalutazione simile a quello indicato precedentemente. Ogni capogruppo illustra al resto della classe l’organizzazione con cui ha lavorato il gruppo, le scelte e le fasi del lavoro, riportando giudizi ed impressioni del gruppo sul come si è lavorato e su che cosa ha funzionato o meno.

Potrebbe essere interessante raccogliere dati rispetto alla percezione del laboratorio utilizzando un questionario come quello in allegato; i dati poi potrebbero essere confrontati con quelli raccolti durante la prima fase del progetto con il questionario sulle aspettative.

Vuoi leggere la lezione quando vuoi, anche offline?



Hai letto la lezione? Che cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!

Angela Aruanno

Congratulazioni Elena, ho apprezzato il tuo lavoro.