LEZIONI E FORMAZIONE DAI DOCENTI PER I DOCENTI

Scopri WeTurtle, la community di educatori dove trovare e condividere risorse innovative

home - progetti - Rethink Loreto: we build our Smart City! - Differenze tra l'uomo e la macchina

Differenze tra l'uomo e la macchina

Tempi

Tempo stimato per la lezione in classe: 2.00 h

Strumenti

  • Scratch
  • Lego® Education Wedo
  • Un computer ogni 3 studenti
Per la proiezione di video (opzionale)
  • LIM o proiettore
  • 1 computer per l'insegnante

Ancora non sei iscritto? Diventa una tartaruga digitale con centinaia di docenti da tutta Italia.

ISCRIVITI SUBITO!

Linee guida delle attività

Durante il secondo incontro i bambini hanno lavorato sul concetto di macchina, riflettendo sulle differenze tra l’uomo e la macchina
Inizialmente si è cercato di schematizzare il modello di funzionamento del corpo umano, con un focus su quattro elementi e sulle loro funzioni e relazioni:

  • muscoli
  • cervello
  • scheletro
  • sensi.
I sensi permettono all’essere umano di interagire con l’ambiente, le informazioni raccolte dagli organi di senso vengono “processate” dal cervello che a sua volta ci permette di inviare comandi ai muscoli volontari, responsabili del movimento e sorretti dallo scheletro.

Per riflettere su questi argomenti, si potrebbe proiettare un video in cui il corpo umano si trova ad affrontare prove complesse, come ad esempio il seguente:

Ma una macchina che cos’è? E quali sono le differenze tra il corpo umano e una macchina?

Si può indirizzare il brainstorming degli studenti ragionando sulle caratteristiche di specifiche macchine, ad esempio il ventilatore o l’aspirapolvere (ovviamente non il robot Roomba).
Le macchine sono caratterizzate da meccanismi, possono avere sia una parte meccanica che una parte elettrica, un tasto di accensione e spegnimento, ma sicuramente non possono prendere decisioni da sole, in quanto non contraddistinte da intelligenza.

Si può infine far riflettere gli alunni su definizione di macchina, come ad esempio quella che si trova in Garzanti Linguistica: 
“Sistema costituito da uno o più meccanismi; più in generale, qualsiasi sistema fisico o fisico-chimico costruito per compiere operazioni che imitano, estendono, potenziano le capacità umane (p.e. maglio) oppure costruito per trasformare l’energia”

E una macchina quando si può definire utile? E quando inutile? Una delle peculiarità degli elementi immaginati dai bambini per la smart city sicuramente è l’utilità per l’uomo, cioè oggetti o macchine con una qualche funzione specifica che possa migliorare le condizioni di vita della specie umana. Ma siamo così sicuri di saper decidere se qualcosa è utile o inutile?

Bruno Munari ha riflettuto in passato su questi concetti, costruendo le cosiddette macchine inutili (pubblicate anche in “Le macchine di Munari” del 1942). Un esempio di macchina inutile è il seguente, il misuratore automatico del tempo di cottura per uova sode (testo e immagine sono state presi da questo link):

“Prendete un esperto giocatore di lippa e fategli calare lentamente l’uovo rosso (1) nella pentola (2) piena di acqua bollente. 
Voi intanto vi sarete alzati di buon mattino 
(grazie alla macchina per addomesticare le sveglie) 
e avrete legato un fiasco spagliato all'estremità di un bastone da passeggio (3), 
questo fiasco serve come galleggiante e, 
all'immersione dell’uovo si alzerà spostando il bastone che funge da leva 
e che si abbassa (4) premendo una lametta sul cordoncino (5). 
Il suddetto viene tagliato in due e le tartarughe siamesi Annetta e Luciana (6) scivoleranno sul piano inclinato (7), fatto con mollica di pane indurita, 
e andranno a sbattere contro la lampadina da milleduecentotre candele (8) facendola scoppiare. 
Lo scoppio improvviso spaventa la chiocciola (9) Maria Lumèga di Monselice (viale Maria Marianna n. 247,4. Casa propria) che stava pensando ai bei tempi quando faceva la giornalaia (vi racconterò poi altri particolari). 
La chiocciola fugge verso la foglia di lattuga dove si ferma a rifocillarsi (10). 
All'arrivo della Lumèga l’uovo è pronto.”

Si possono trovare anche video di macchine inutili, come ad esempio i seguenti: 







Agli alunni è stato chiesto di progettare una macchina inutile, utilizzando al massimo 8 pezzi del kit Wedo.
Terminata la costruzione ogni gruppo ha presentato la propria macchina, caratterizzata da un nome e da una descrizione

Dopo aver terminato le presentazioni ogni gruppo ha lavorato alla creazione delle istruzioni per la propria macchina. Ma come si possono realizzare? Con dei disegni? Con una spiegazione testuale? O con un mix delle due strategie? Queste domande sicuramente metteranno in crisi gli studenti, ed ogni gruppo sceglierà la propria strategia risolutiva.
Terminate le istruzioni le macchine smontate e corredate di documentazione verranno scambiate tra i gruppi. Ogni team quindi dovrà tentare (probabilmente con grande difficoltà) di ricostruire la macchina progettata da qualcun altro!
Alcune immagini relative a macchine inutili costruite dai bambini si possono vedere di seguito (a sinistra “Il porta cani” e a destra “Lo schiaccia teste”).

Riferimenti e links

LEGO e il logo LEGO sono marchi e /o copyright di LEGO Group. © 2018 The LEGO Group. Tutti i diritti riservati.

Vuoi leggere la lezione quando vuoi, anche offline?



Hai letto la lezione? Che cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!