LEZIONI E FORMAZIONE DAI DOCENTI PER I DOCENTI

Scopri WeTurtle, la community di educatori dove trovare e condividere risorse innovative

home - progetti - Progettare circuiti elettrici e labirinti con Minecraft - Seconda attività: Realizzazione Labirinto

Seconda attività: Realizzazione Labirinto

Tempi

Tempo stimato per la lezione in classe: 3.00 h

Strumenti

  • 1 computer per l’insegnante
  • LIM/proiettore (per la condivisione dei progetti dei ragazzi in Minecraft)
  • computer preferibilmente portatili (1 ogni gruppo di 2/3 studenti)
  • materiale di consumo (penne, matite, fogli ecc.)

Ancora non sei iscritto? Diventa una tartaruga digitale con centinaia di docenti da tutta Italia.

ISCRIVITI SUBITO!

Linee guida delle attività

Prima di realizzare concretamente il labirinto è stato chiesto ai ragazzi di modificare il loro progetto iniziale aggiungendo un grado sfida maggiore per l’utente tramite circuiti logici. Questa è stata senza dubbio la parte più divertente: i membri dei gruppi hanno collaborato tra loro ingegnandosi nella realizzazione di trappole, tranelli, indovinelli, labirinti modulari, parkour...una marea di idee hanno animato l’attività!
Ne elenchiamo alcune con foto allegate, tenendo presente che il mondo virtuale è un ambiente 3D, dunque sviluppabile in ogni direzione, e che la parte circuitale dovrà essere poi nascosta all’occhio del giocatore esterno:

  • labirinto di siepi che si animano durante la notte;

  • parte circuitale esterna a un passaggio in cui, se si cammina nella casella sbagliata, i pistoni appiccicosi tirano via il pavimento facendovi cadere in una caverna!

  • quello strano blocco luminoso potrà mai servire per aprire il meccanismo della porta?

  • labirinto nel deserto;

  • in questo particolare passaggio alcuni meccanismi spostano dei cubi di pietra: l’utente dovrà scegliere la giusta tempistica per passare da una casella all’altra senza cadere nella lava!

Il formatore ha seguito i ragazzi lungo questa fase fornendo consigli e aiutandoli qualora il circuito proposto da un gruppo risultasse troppo complesso, senza mai perdere di vista l’obiettivo principale: far sperimentare i ragazzi il più possibile in totale libertà e in base alle loro capacità. È sempre meglio semplificare un problema che renderlo più complicato con circuiti astrusi e complicati!

Vuoi leggere la lezione quando vuoi, anche offline?



Hai letto la lezione? Che cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!